lunedì 12 aprile 2010

Frittatine di pasta alla "di Matteo" ai Tribunali...

La receta en español en el fondo de pagina




...e meno male che non sono incinta...no, no, dico davvero. Appena vedo sui vostri blog qualche ricetta che mi piace particolarmente...( e devo dire che accade abbastanza di frequente...), cerco di farla il prima possibile. E cosí anche per queste frittatine di pasta...
Sul blog di Paoletta, Anice e Cannella, che sempre sforna cose da leccarsi i baffi, qualche settimana fa sono spuntate queste frittatine. Non le solite...non quelle fatte con la "normale" pasta avanzata della sera prima..no, ma le famose frittatine napoletane!
Appena le ho viste ho avuto un déjá vu...Mi sono ritrovata studentessa universitaria (non é che sia passato cosí tanto tempo poi...:)), che, girovagando per i quartieri vecchi di Napoli, degustava la sua frittatina, con le mani unte di quell'olio che ne aveva visti tanti di fritti...tanti da poter quasi parlare! :)
...maronnna! mi verrebbe quasi da dire...:). Come sono lontane le mie frittate da asporto!
E cosí, grazie a Paoletta, mi sono data da fare e ho sfidato chi non avrei mai pensato neanche lontanamente di imitare, figuriamoci: la rosticceria di Matteo ai Tribunali. Sfidare nel senso che é un sacrilegio farsele a casa e non andarle a mangiare da lui...ma data la lontananza mi scusará!

La ricetta é identica a quella di Paoletta, con solo una variante peró: scusami Paolé ma la tua amica che ti consiglia di non panarle prima di friggerle sa bene di cosa si sta parlando...Le "vere" frittatine sono bagnate nella pastella e fritte...senza il passaggio nel pangrattato. (variante succulenta devo dire, ma non veritiera)
Altra variante alla di Matteo: i pisellini nel condimento della pasta...buonissimi!

Beh, questo il risultato...e ribadisco il concetto piú volte espresso da Paola: ..."ma come ho fatto a vivere senza?..."


Questo é il link alla ricetta...

GRAZIE PAOLÉ! :)

--------------------------------------------------------------------------------------------

Esta es una receta a la que le tengo mucho cariño. Me acuerda cuando, durante la carrera, iba comiendo este frito de pasta, andando por las calles cerca de la Unversidad. Aquel entonces nunca me habría atrevido a desafiar al señor di Matteo que tenía una "rosticceria" donde se vendían todos tipo de fritos!! Pero, viendo esta receta en el blog de Anice e Cannella, aposté con migo para que me salieran bien y me llevasen allá...de donde llegan mis recuerdos más cariñoso y divertido de mi vida.
Os la propongo a vosotros también...Así que quién la pruebe me comente!

Estos son los ingredientes:

250 gr. de pasta "bucatini"
500 gr. de bechamel espesa

chorizo, quesos
sal y pimientas
aceite para freír
harina
agua
guisantes

Cocer la pasta y condimentarla con la bechamel, los quesos, el chorizo y los guisantes. Dejar enfriar y aplastar en una bandeja, haciendo una masa alta 10 cm y dejar reposar en la nevera toda la noche. El día siguiente cortar de forma redonda la masa y dejarla reposar mientras en un bol se mezcla harina, agua y sal. Luego rebozar los discos de pasta cortados en esta mezcla y freír en abundante aceite.
Servir caliente en un papel absorbente.


4 commenti:

  1. ed ora che le vedo replicate, mi convinco sempre di più di volerle assaggiare!!!

    RispondiElimina
  2. Delle frittatine di pasta davvero squisite e molto invitanti. Bravissima, un bacione

    RispondiElimina
  3. ti ringrazio, e la prossima volta le farò senza pangrattato, solo pastella!
    un bacio

    RispondiElimina
  4. be bellissime e buone una buona idea di "reciclo" ma io la pasta me la farei avanzare a posta...per poterle fare ;I
    bel blog

    RispondiElimina

...benvenuto nella mia cucina...vuoi dirmi qualcosa? Mi interessa quello che pensi!