giovedì 8 ottobre 2009

Cous cous agli agrumi

La vicinanza del Marocco, dal balcone del mio salotto lo si puó vedere quando non c'é foschia, la si assapora in tutti gli scorci della vita andalusa; nell'architettura della case, nell'abbigliamento delle belle donne arabe che passeggiano per le strade del mio paesino, nei piccoli negozi di gastronimia araba, nei bazar da cui furiescono odori, incensi e fumi aromatici...e soprattutto nella gastronomia. Molti i luoghi dove poter assaporare tipiche pietanze arabe, dal piú noto kebab, ormai proposto in tutte le salse fino al piú ricercato Tajine (tipica pentola di coccio) in cui si cuociono gli spezzatini piú aromatici che io abbia mai mangiato.
Per questo motivo, anche io mi sono cimentata in un cous cous. Tra le tante varietá ho preferito farlo agli agrumi. Fresco e profumato, con una piccola variante, come mio solito, che ora illustreró.

Le dosi sono per 4 persone:
  • 8 ali di pollo
  • 120g di cous cous precotto (sarebbe meglio la farina da cuocere...)
  • 3 arance e 1 limone
  • 125 g di burro agli agrumi*
  • 1 cipolla rossa
  • 2 peperoncini freschi tritati
  • 1 carota (grande)
  • 1/2 arancia
  • maggiorana q.b..
  • timo
  • olio e sale
  • pepe nero in grani
  • 1 litro di brodo di pollo
Si comincia con il mescolare il succo delle arance e il limone con 120 g di acqua, un poco di olio e sale. Fatto questo "brodino", non appena comincia a bollire si unisce il cous cous e lo si rimesta fino a completo assorbimento del liquido. Versare il burro e continuare a mescolare. Intanto mettete a marinare le alette di pollo con le mezza arancia, il pepe, i peperoncini, la maggiorana e un pochino di sale. Lasciatelo in frigo per 2 ore. Passate le due ore togliere dal frigo e impadellare il tutto, dopo aver scolato la marinatura; cuocere per una mezzoretta. Intanto tagliate la carota a dadini e cuocetela in un poco d'olio. Finito di cucinare tutto, impiattate mettendo il cous cous nei piatti, guarnito con due alette di pollo per persona e la dadolata di carota come guarnizione.
Una cosa importante é servire il cous cous accompagnato da una ciotola con del brodo per poterlo irrorare di tanto in tanto. (la semola assorbe tutti i liquidi e durante il pranzo tende a seccarsi troppo)
E ora la variante: il burro agli agrumi. Il burro viene usato per amalgamare il tutto ed io ho trovato su di un ricettario questa variante, che devo dire ottima. Allora:
si lavora il burro con una spatolina insieme alla scorza di agrumi (arance e limoni), un pochino di sale e un cucchiaino di prezzemolo tritato. Quando riusulta ben amalgamato il burro con gli ingredienti, formarne un cilindretto e metterlo a rapprendere in frigo.
Lo si puó portare anche a tavola..fa un bel effetto!
Buon appetito!!!



2 commenti:

  1. Non sono ancora pratica di cous-cous, anzi l'ho preparato solo una volta, ti ringrazio di questa bella ricetta che voglio provare quanto prima.
    Ciao Daniela.

    RispondiElimina
  2. prego Dani!
    Qualche giorno fa una collega di lavorao di mio marito, che é marocchina, ci ha dato la ricetta originale del cous cous (carne e verdure)...La posteró presto.
    grazie a te per essere passata di qua!

    RispondiElimina

...benvenuto nella mia cucina...vuoi dirmi qualcosa? Mi interessa quello che pensi!