martedì 13 ottobre 2009

Brutti ma buoni (rivisitati)


Questa é una ricetta della mia mamma. Impropriamente chiamati brutti ma buoni, che comunemente sono fatti con altri ingredienti, sono dei dolcetti secchi che, pur non avendo un bel aspetto, sono...umhhh...buoni!
Possono essere un accompagnamento gradito per il té delle cinque, oppure una piacevole diversione dai classici biscotti da inzuppare nel latte la mattina; io, preferisco sgranocchiarli "entres horas"...

questi gli ingerdienti:

400 g di farina
100 g di cioccolato (anche uvetta)
300 g di fiocchi d'avena
un bicchiere di olio
un bicchiere di succo (qualsiasi)
una bustina di lievito
150 g di zucchero

questa la ricetta:

versare in una ciotola grande la farina con il lievito, i fiocchi d'avena, lo zucchero, il cioccolato, l'olio e il succo, (in questo caso ho messo del succo d'arancia) e cominciare a rimestare fino a che il composto non risulti duro...deve appiccicarsi al cucchiaio e non staccarsi facilmente quando capovolto.
Cosí pronto, raccogliere con il cucchiaio piccole quantitá di impasto e versarlo su di una placca forno ( rivestita da carta forno o imburrata) distanziando i mucchietti tra loro (considerando che il lievito fará crescere i biscotti di volume) e lasciar cuocere per 20 minuti a 180 gradi.
Sfornarli e spolverarli a piacimento con dello zucchero a velo.

Con questa ricetta partecipo alla raccolta di Micaela

2 commenti:

  1. Ciao Laura, grazie per aver partecipato alla mia raccolta. devono essere ottimi questi biscottini, addirittura con il succo di frutta? sono curiosissima di provarli. a presto.

    RispondiElimina
  2. Grazie a te Micaela per l'idea della raccolta!
    a presto.

    RispondiElimina

...benvenuto nella mia cucina...vuoi dirmi qualcosa? Mi interessa quello che pensi!